Regione Lombardia, Comunità Montana, Provincia di Brescia, Comune di Odolo, Comune di Agnosine, Comune di Bione, Comune di Preseglie
G.S. Odolese Mtb Conca d'Oro
LA CONCA D'ORO BIKE È UNA BATTAGLIA! LA VINCE ALEXEY MEDVEDEV CHE CONCEDE L'ONORE DELLA ARMI A JURI RAGNOLI

Gara ad armi pari tra il russo del team Trek Selle San Marco e il bresciano della Scott. E' servita una volata per stabilire il vincitore. Annabella Stropparo fa sua la gara femminile.

Odolo (BS): La Conca d'Oro Bike che oggi è diventata maggiorenne, festeggiando la diciottesima edizione, è stata teatro di uno scontro epico d'altri tempi. Una battaglia leale ed incerta fino all'ultimo metro che ha visto protagonisti l'ex campione italiano ed idolo di casa, il bresciano Juri Ragnoli (Scott Racing team) e la macchina da guerra russa, Alexey Medvedev (Trek Selle San Marco).

 

 

I due si sono presentati insieme in fondo al lungo rettilineo che portava sotto lo striscioni d'arrivo, con la parte finale che era in salita. Ragnoli ci ha provato fino all'ultimo, ma contro il Medvedev di oggi c'era poco da fare ed infatti il russo ha fatto sua la volata ed ha collezionato la sesta vittoria in una granfondo in questa prima parte della stagione.

 

 

Quello che sta attraversando è un periodo magico, l'energia in più che forse oggi ha fatto la differenza, ma anche nelle gare precedenti, gli è data dalla vicinanza della moglie e della figlia che sono in Italia per un periodo limitato a causa della legge sui visti. Si dice che i russi sono freddi come il ghiaccio, evidentemente però non sono tutti così, Alexey smentisce questo detto popolare. Medvedev a fine corsa ha concesso l'onore delle armi a Ragnoli, riconoscendo che oggi il bresciano ha fatto di tutto per metterlo in difficoltà, alla fine la differenza tra i due l'ha decisa l'ultimo duello, quello che purtroppo concede la gloria ad un solo combattente, la volata.

 

 

Questa mattina, con un cielo sereno, i bikers che seguono i circuiti Trek Zerowind, Mtb Ahead Tour, Start Cup e Coppa Lombardia si sono dati appuntamento presso la solita location, il parco Rinascita di Odolo. La segreteria del G.S. Odolese che ha registrato l'iscrizione di circa 1.100 concorrenti ha poi affidato la gestione dei cronometraggi agli uomini di SMS Sport i quali ci hanno segnalato che i partenti sono stati 870, evidentemente chi ha sottoscritto l'abbonamento di uno dei 4 circuiti, ha sfruttato il regolamento considerandola come gara di scarto e di conseguenza non si è presentato questa mattina.

 

 

Per l'organizzazione sono numeri importanti perchè confermano quando di buono si era già visto, la granfondo dopo il trend negativo degli anni passati, ha ricominciato a ricrescere dall'anno scorso e quest'anno ha fatto un'ulteriore salto, sicuramente grazie al ritorno nel Trek Zerowind Off Road Challenge, presente oggi con il Presidente Alessandro Capella e con il suo braccio destro Ennio Decio.

 

LA GARA

 

Lo start è stato dato alle 10:30, orario un pò insolito ma giustificato dal fatto che sulla statale passava un granfondo su strada e la scelta è stata fatta per evitare che alla rotonda di Odolo i due eventi si incrociassero. Il lungo serpentone si è accodato alla macchina dell'organizzazione che a velocità controllata ha portato la Conca d'Oro Bike fuori dall'abitato.

 

 

Dopo essere scesi verso la provinciale i bikers hanno preso la strada che in salita li ha portati sulla prima delle tre salite di giornata, quella che portava verso la località Chiese. Fin da subito appena è iniziata la salita si sono portati con decisione al comando Ragnoli e Medvedev che oggi per la prima volta in questa stagione, ha corso in sella alla sua full Trek Top Fuel, bici che vuole usare anche domenica alla Capoliveri Legend Cup.

 

 

Dopo essere scollinati i concorrenti, dopo aver già pedalato per una ventina di chilometri, sono scesi verso il primo punto assistenza, posizionato dopo il crossodromo Galaello. Dietro ai due fuggitivi inseguiva un terzetto guidato da Lombardi che alla sua ruota aveva l'amatore Valsecchi e il sardo Sarai. Seguivano da soli ma vicinissimi: Deho, il sudafricano Travis e il colombiano Arango.

 

 

A quel punto iniziava la seconda impegnativa salita di giornata che tramite l'abitato di Bione portava verso la località Salto, quì i concorrenti hanno trovato la verà novità di questa edizione. La parte asfaltata che c'era sempre stata fino all'anno scorso è stata sostituita da tratti sterrati o cementati, rendendo l'ascesa molto più selettiva. Saliva molto bene il sudafricano Travis che agganciava il terzetto in seguitore.

 

 

In picchiata i bikers si sono poi diretti verso l'abitato di Agnosine, dopo una trentina di chilometri i due battistrada era sempre insieme.

 

 

In terza posizione da solo c'era Sarai che era riuscito a staccare Lombardi, Valsecchi e Travis. Seguivano Deho e Arango. Da Agnosine la corsa iniziava la sua ultima salita quella che portava presso la località Bertone.

 

 

Ragnoli cercava di mettere in crisi Medvedev salendo con una tale facilità che non gli era mai successo nemmeno negli anni passati, quando vinse due edizione della Conca d'Oro. Purtroppo per lui, Medvedev rispondeva colpo su colpo e non cedeva un metro. Non succedeva niente nemmeno nel lungo trasferimento verso l'abitato di Odolo e così la granfondo veniva decisa dalla volata che vi abbiamo già raccontato. I due sono arrivati al traguardo dopo aver percorso 46km in quasi due ore di gara (1:56:29), dopo tre minuti e mezzo c'è stato un secondo sprint perchè Sarai nel finale è stato agganciato da Travis ma è riuscito a regolarlo con la volata.

 

 

Chiudeva la top five Marzio Deho che riusciva a sorpassare sia Valsecchi che Lombardi.

 

 

In campo femminile ha dettato legge Annabella Stropparo che ha staccato nettamente Mara Fumagalli e Simona Bonomi.

 

Per chi segne il Trek Zerowind ci sarà un mese di pausa in attesa della 100KM dei Forti in programma il 12 giugno a Lavarone mentre l'Mtb Ahead torna il 22 maggio sempre quì in provincia di Brescia con la GF Capriolo Bike.

 

Ordine d'arrivo maschile

 

1 MEDVEDEV ALEXEY TEAM TREK SELLE SAN MARCO 01:56:29.81
2 RAGNOLI JURI SCOTT RACING TEAM 01:56:30.48
3 SARAI PIETRO OLYMPIA POLIMEDICAL 02:00:00.60
4 TRAVIS WALKER BETTINBIKE 02:00:00.81
5 DEHO MARZIO OLYMPIA POLIMEDICAL 02:00:31.00
6 VALSECCHI MATTEO TEAM SPACEBIKES 02:00:31.44
7 LOMBARDI OMAR TEAM NOB JOLLYWEAR 02:01:38.81
8 BARETTO IGOR GRUPPO NULLI ISEO MTB ASD 02:02:31.60
9 ARANGO ROMAN SANTIAGO KTM - PROTEK - DAMA 02:02:31.51
10 PENNA MATTIA ASD TEAM BI&ESSE PODIUM TREK 02:03:49.54
11 ALVAREZ GUTIERREZ IVAN TEAM TREK SELLE SAN MARCO 02:03:50.76
12 OLIVA VITTORIO X-TEAM CARBONHUBO 02:04:50.70
13 FAGLIA MATTIA TEAM TREK SELLE SAN MARCO 02:05:45.60
14 MALAVER HILVAR YAMED X-TEAM CARBONHUBO 02:05:45.31
15 BENNATO NICOLA TEAM OLIVETO LARIO 02:06:23.56
16 LANZI STEFANO LISSONE MTB ASD 02:07:10.30
17 LAUGESEN ALEXANDER OLYMPIA POLIMEDICAL 02:07:38.30
18 DIVIGGIANO SIMONE KUOTA MARTINA RACING 02:07:41.54
19 VALENTE DANIELE TEAM TODESCO 02:07:46.80
20 BULFONI ANDREA TEAM FRIULI SANVITESE 02:08:09.55

 

Ordine d'arrivo femminile

 

1 STROPPARO ANNABELLA AMICI DI ANNABELLA ASD 02:18:53.80
2 FUMAGALLI MARA KTM - PROTEK - DAMA 02:22:27.78
3 BONOMI SIMONA TEAM ISOLMANT 02:30:34.28
4 BERETTA SIMONA WET LIFE RIDOTTIALLOSSO 02:32:02.30
5 MANDELLI CHIARA TEAM SPACEBIKES 02:36:05.27
6 DE LORENZO POZ LUISA TEAM ESTEBIKE ZORDAN 02:38:45.51
7 SENECI ROBERTA RACING ROSOLA BIKE 02:38:50.50
8 GROTTOLI LETIZIA TEAM GIULIANI CICLI ARCO 02:41:10.27
9 CORNOLTI VERONICA TEAM ISOLMANT 02:47:39.50
10 NEGRA CECILIA ASD PEDALE FIDENTINO 02:48:00.52

.

Articolo pubblicato su: www.pianetamountainbike.it

 

©Copyright 2018-2019 A.s.d. G.S. Odolese Mtb Conca d'Oro PI:01750470989 | contattaci | privacy - informativa cookie | progetto grafico Ideattiva - Cms Evolution